Mc4 Software. Tecnica e formazione.
 
home| contatti| annullare l'iscrizione| privacy|
Logo HvacCad 2005 Guarda il filmato                  
Guarda il filmato »
HvacCad 2005: Disegno di pannelli radianti prefabbricati a parete e soffitto
quarta parte
Quest'ultima newsletter chiude il ciclo dedicato ai pannelli radianti a parete ed a soffitto.
Vediamo come si può disegnare manualmente il profilo a soffitto di un ambiente sottotetto, in cui quindi si deve seguire la falda dello stesso senza però dover usufruire del comando automatico. Si lancia il comando da icona e da barra laterale scegliamo "Blocco su Z" impostandolo "Relativa soffitto verso basso", la "Z[m]" 0, l'"Area" iniziando ad esempio con quella "Consentita" ed infine la "Posizione" cioè "Soffitto" come si può vedere nella figura qui di seguito.





Si disegna il perimetro dell'area consentita, iniziando ad esempio dalla falda a sinistra, si determina la quota di gronda con un primo click





dopodiché si seleziona un punto sul colmo per individuare il punto alla quota corretta in modo che il profilo segua la falda.





Si procede poi col disegno degli altri tratti del profilo. Si ottiene:





Si determinano le aree col comando da icona sempre tenendo in considerazione le impostazioni "Consentita" e "Non consentita".
Per l'area consentita si deve poi selezionare l'ambiente a cui associare lo sviluppo.





Anche su di uno sviluppo inclinato (che quindi segue la falda del tetto) si possono disegnare manualmente i moduli di pannelli prefabbricati. La procedura è analoga a quella seguita per uno sviluppo non inclinato.





Da notare come il programma, non appena identificato il primo punto che determina l'inserimento (cerchio blu), sposti il sistema di coordinate in modo da porsi sulla superficie inclinata (vale a dire con gli assi x e y giacenti sul piano individuato dallo sviluppo, come si può osservare dagli assi cerchiati di rosso).

Si continua poi con l'inserimento in maniera analoga. Se si vuole realizzare una seconda fila di pannelli prefabbricati, in modo che questa stia ad una certa distanza dalla precedente e pari alla larghezza del collettore prefabbricato, allora si può cambiare il sistema di riferimento di AutoCADs rendendolo solidale alla falda del tetto.

L'operazione si realizza utilizzando il comando da icona denominato "UCS oggetto" presente nella barra degli strumenti denominata "UCS".





Il nuovo sistema di riferimento si trova ora sulla falda ed è cerchiato di rosso (da notare come l'asse x si veda di scorcio, stando ad indicare il fatto che esso segua la pendenza di falda). Ci si porta quindi col mouse in corrispondenza di un punto del pannello in modo da determinare da dove partire per determinare la distanza (quadratino ciclamino), poi si fornisce la direzione verso cui ci si deve spostare per l'inserimento (individuata dal cerchio blu), infine si fornisce la quantità di cui ci si deve muovere scrivendola com'è evidenziato dalla freccia verde.
Finita la distribuzione si procede con i collegamenti delle tubazioni.





Si può disegnare ad esempio una tubazione in "Bottom up" partendo da un pannello





e terminando sull'altro pannello. Dopodiché si disegna dalla mezzeria del tubo appena tracciato una nuova tubazione sempre in "Bottom up".





Per collegare i restanti moduli basta copiare le tubazioni appena disegnate. Non resta poi che collegare al collettore le tubazioni che sono poste a soffitto. Per calcolare le tubazioni non resta che utilizzare lo stesso comando per il calcolo di reti termiche.



Guarda il filmato »


 
© Copyright 1983-2006 Mc4 Software, all right reserved.