Mc4Software logo Mc4Software help - Guida in linea

ARCHIVI DI PROGRAMMA


 


IMPOSTAZIONE DELLA MODALITA' DI AVVIO DEL SERVER DEGLI ARCHIVI


 

L'impostazione della modalità di avvio del server degli archivi (PostgreSQL) si esegue all'interno di un'apposita utility (Mc4PGLManager) esterna rispetto al programma.

Tale utility si avvia in automatico ogniqualvolta il software, in fase di avvio, riscontra l'impossibilità di connettersi al gestore dei databases.

In alternativa è possibile  avviare tale utility (con programma rigorosamente chiuso) posizionandosi  nel gruppo dei programmi Mc4Software  del menu Start di Windows e quindi individuare la voce Mc4PGLManager 2019 (ARES x64 o Plugin AutoCad a

seconda della versione in possesso).

 

Cliccando su tale icona si attiverà la seguente maschera  :

 

Cliccando sul pulsante "Avanti >" si accederà alla maschera di impostazione della modalità di avvio del gestore dei databases.

 

 

 

 


Tale maschera  consente di definire la modalità di avvio del server secondo due scenari  corrispondenti alle  seguenti opzioni :

 

- Processo (predefinito) : tale configurazione  non implica la presenza (e quindi lo stato di esecuzione) del servizio "mc4postgresql" nell'ambito della lista dei servizi di Windows; in questo caso il software predispone l'avvio del server dei database sotto

 forma di processo nel momento del suo avvio e, per garantire la connessione con i databases, non dovrà verificare l'effettiva disponibilità di alcun servizio;

- Servizio : tale configurazione presuppone la presenza (e quindi lo stato di esecuzione) del servizio  "mc4postgresql" nell'ambito della lista dei servizi di Windows; in questo caso il software dovrà verificare l'effettiva disponibilità del servizio nel momento

del suo avvio, la cui presenza è indispensabile  per garantire la connessione con i databases.

 

L'adozione della modalità "Processo" presenta il vantaggio di non risentire degli eventuali malfunzionamenti che possono affliggere tipicamente la logica del "servizio" in ambiente Windows ( assenza dei privilegi richiesti a  livello di account utente per  la

configurazione e l' avvio dei servizi di Windows, interferenze da parte di antivirus e firewall in fase di configurazione\avvio del servizio, modifiche e\o cancellazioni effettuate da aggiornamenti critici del  sistema operativo).

L'adozione della modalità "Servizio" è invece particolarmente indicata per tutti quei pc che ricoprono anche il ruolo di PC server nell'ambito della condivisione, in una rete di pc,  del database utente (ovvero di tutte le sezioni degli archivi destinata

alla  memorizzazione degli oggetti creati dall'utilizzatore del programma): la presenza costante del servizio assicura, infatti, che i pc client possano collegarsi al database condiviso anche se la macchina "server" risulti una  postazione non presidiata.

 

N.B. : dal punto di vista del funzionamento degli archivi del programma le due modalità di avvio sono assolutamente equivalenti.

 

La modalità di avvio di default del server è quella denominata "Processo".

In virtù di  quanto sopra osservato, in pc che non sono destinati a condividere il database utente, è consigliabile mantenere  la modalità "Processo"; a tal fine, nella sezione "Tipo di servizio database" si selezionerà  la voce "Processo (predefinito)";

 

 cliccando sul pulsante "Avanti >" si accederà alla maschera per l'impostazione dei parametri di ubicazione del database "Utente".

 

Il database "Utente" corrisponde alle sezioni "Archivio" di tutti gli archivi del programma ed è la locazione in cui vengono salvate le eventuali personalizzazioni eseguite dall'utente.

E' possibile gestire l'ubicazione di tale database secondo due scenari contraddistinti dalle opzioni:

1) Locale (predefinito) : in questo caso il database utente risiede sul pc locale e non è condiviso da nessun altro utente;

2) Remoto : in questo caso il database utente risiede su di un altro pc che funge da "server" per la condivisione degli archivi personalizzati.

L'opzione "Locale" è quella predefinita, se non si intende collegarsi ad un database condiviso, per proseguire si potrà cliccare sul pulsante "Avanti >" per accedere alla maschera di riepilogo dei parametri di avvio del gestore dei databases.

Diversamente, ovvero qualora  si intenda effettuare il collegamento ad un database condiviso, si opterà per l'opzione "Remoto";  cliccando sul pulsante "Avanti >" si verrà indirizzati alla maschera per l'impostazione dei parametri di connessione al database

utente su pc remoto.

 

 

 

In tale maschera è richiesta l'indicazione del :

- PC remoto: nome del pc della rete in cui risiede il database condiviso (in alternativa è possibile specificarne l'indirizzo IP);

- Numero porta ; numero della porta TCP di comunicazione di PostgreSQL; il valore predefinito è 5432

- Nome utente : nome dell'utente registrato per l'accesso al database condiviso (il valore predefinito è postgres)

- Password : password registrata per l'accesso al database condiviso (il valore predefinito è mc4superuser)

 

Cliccando sul pulsante "Avanti >" si accederà alla maschera di riepilogo dei parametri di avvio del gestore dei databases.

 

Se le opzioni visualizzate  corrispondono alle scelte operate  in precedenza , si potrà cliccare sul tasto "Applica" per lanciare il test di connessione al database; diversamente con il tasto "Indietro" si potrà navigare a ritroso sino a posizionarsi sulla

maschera in cui si desidera effettuare una  scelta diversa.

Cliccando sul tasto "Applica" si aprirà la maschera del test di connessione; al termine della procedura verrà restituito l'esito dell'operazione.

 

In caso di esito positivo (Test di connessione RIUSCITO), per finalizzare la procedura sarà necessario cliccare sul pulsante "Termina"; in tal modo verranno salvate tutte le informazioni e le selezioni operate in precedenza e si potrà proseguire con il l'avvio

o il caricamento del software.

Premendo il tasto "Annulla" si chiude invece il wizard annullando ogni impostazione o selezione eseguita in precedenza (anche in caso di esito positivo del test di connessione).

In caso di esito negativo (Test di connessione FALLITO), la maschera indica la causa del fallimento della connessione;

 

in particolare la mancata connessione potrebbe dipendere dalla scelta operata per la modalità di avvio del gestore dei database oppure dall'errata compilazione dei parametri di accesso al database condiviso (solo nel caso di ubicazione remota del

database utente).

Sotto queste ipotesi, cliccando sul tasto "Reimposta" si verrà reindirizzati direttamente alla maschera per la scelta della modalità di avvio del gestore del database.

Qualora  il fallimento del test di connessione sia da ricondurre alla modalità di avvio del gestore, si potrà selezionare l'opzione alternativa quindi:

1) se in precedenza si è optato per la modalità predefinita "Processo", si dovrà ora optare per la modalità "Servizio";

2) se in precedenza si è optato per la modalità "Servizio", si dovrà ora optare per la modalità "Processo".

Qualora  il fallimento del test di connessione sia da ricondurre all'errata impostazione dei parametri di accesso al database condiviso, si navigherà sino a raggiungere la corrispondente maschera di impostazione dell'ubicazione del

database  utente, dove:

1) provare a modificare i parametri immessi (se vi sia evidenza di un errore di compilazione e/o di impostazione)

2) cambiare opzione di ubicazione del database utente (ovvero da PC remoto a Locale).

 

Effettuate le modifiche si potrà navigare nuovamente sino alla maschera del test di connessione e verificare che restituisca esito positivo.

 

Con l'ausilio di tale utility è possibile ripristinare  la regolare connessione al database a patto che non sussistano anomalie  a livello di installazione e/o configurazione del database server PostgreSQL (che viene installato contestualmente a Mc4Suite); qualora rilevi tale eventualità,  il wizard stesso segnalerà all'utente la necessità di contattare il servizio di assistenza tecnica di Mc4Software .

 

 


GESTIONE DEGLI ARCHIVI


 

Tutte le maschere di archivio del programma contengono tre  schede : Progetto,  Archivio e Archivio MC4

Le schede  modificabili dall'utente sono le prime due ovvero Progetto e ArchivioMC4.

La scheda Progetto contiene tutti i componenti che devono essere utilizzati nel progetto corrente;

la scheda Archivio contiene tutti i componenti creati o personalizzati dall'utente nella sezione ed ivi trasferiti per la loro memorizzazione permanente (Archivio utente);

la scheda Archivio MC4 invece contiene tutti i componenti messi a disposizione dal  programma; tale sezione non è modificabile dall'utente ma da essa è possibile importare elementi in progetto, modificarli e importarli

esclusivamente nella sezione Archivio, come elementi dell'archivio personale (utente) .

N.B : in nessun caso è possibile trasferire elementi dalla sezione Progetto alla sezione Archivio MC4.

Le  operazioni consentite all' utente nella scheda Progetto sono:

Creazione di un componente


Duplicazione di un componente


Eliminazione di un componente


Trasferimento del componente nella scheda Archivio (memorizzazione nell'archiivio utente)

Le operazioni consentite all'utente nella scheda Archivio sono:

Eliminazione di un componente


Trasferimento del componente nella scheda Progetto

Vediamo come eseguire le singole operazioni. Per la corretta compilazione dei campi e per il significato da essi associato si rimanda ai rispettivi paragrafi .

CREAZIONE DI UN NUOVO COMPONENTE NELLA SCHEDA PROGETTO

Per creare un componete non presente in archivio occorre seguire la seguente procedura:

1. Attivare la scheda Progetto
2. Cliccare su <Nuova>
3. Inserire la descrizione del componente nella Text Box che appare e confermare
4. Specificare i dati relativi del componente

DUPLICAZIONE DI UN COMPONENTE NELLA SCHEDA PROGETTO

Seguire la seguente procedura per la duplicazione di un componente:

1. Attivare la scheda Progetto
2. Selezionare il componente da duplicare
3. Cliccare su <Copia>
4. Inserire la descrizione del componente nella Text Box che appare e confermare 5. I dati del componente sono già compilati. L'utente può ora apportare tutte le modifiche richieste

 

ELIMINAZIONE DI UN COMPONENTE NELLA SCHEDA PROGETTO

Seguire la seguente procedura per la cancellazione di un componente:

1. Attivare la scheda Progetto
2. Selezionare il componente da eliminare
3. Cliccare su<Cancella>. Il componente é eliminato nella sola scheda progetto e non dal database. Non é possibile cancellare un componente inserito graficamente nel progetto

TRASFERIMENTO DI UN COMPONENTE DALLA SCHEDA PROGETTO ALLA SCHEDA ARCHIVIO

Seguire la seguente procedura il salvataggio di un componente:

1. Attivare la scheda Progetto
2. Selezionare il componete che deve essere memorizzato nel database del programma
3. Cliccare su <In Archivio>

ELIMINAZIONE DI UN COMPONENTE MEMORIZZATO NELLA SCHEDA ARCHIVIO

Seguire la seguente procedura per la cancellazione di un componente definitivamente dal database di programma:

1. Attivare la scheda Archivio
2. Selezionare il componente da eliminare
3. Cliccare su<Cancella>.
4. Confermare la cancellazione nella maschera di conferma, che appare a video, cliccando <Si>

 

ATTENZIONE! LA CANCELLAZIONE E' DEFINITIVA. IL COMPONENTE NON POTRA' PIU' ESSERE RECUPERATO.

 

TRASFERIMENTO DI UN COMPONENTE DALLA SCHEDA ARCHIVIO ALLA SCHEDA PROGETTO

Seguire la seguente procedura per utilizzare un componente presente nel database di programma:

1. Attivare la scheda Archivio
2. Selezionare il componente da utilizzare>
3. Cliccare su <In Progetto>. Il programma aggiunge il componente alla lista presente nella scheda Progetto e da quel momento in poi è possibile utilizzare il componente nel progetto corrente.