Novità Mc4Suite 2023: ombreggiamenti, CAM 2022 e molto altro
novità

Mc4Suite 2023

Ombreggiamenti automatici, 
CAM 2022 e molto altro

Mc4Software presenta Mc4Suite 2023, ricca di importanti novità, confermandosi l’unico software modulare sviluppato in ambiente AutoCAD con approccio openBIM per la progettazione integrata termotecnica, energetica, acustica ed antincendio.

Le potenzialità introdotte in release 2023 sono diverse ed articolate: dalla riscrittura completa di maschere di archivio a nuove utility per i progetti di calcolo energetico.

Inoltre, la nuova release introduce il calcolo automatico degli ombreggiamenti secondo UNITS 11300-1:2014 e le verifiche previste dal DM 23.06.22 che aggiorna i Criteri Ambientali Minimi obbligatori per gli appalti pubblici.

scopri tutte le novità

ambiente grafico
AutoCAD oem 2023

Mc4Suite 2023 in versione OEM è sviluppata con il motore grafico AutoCAD OEM 2023 di Autodesk, con tutti i suoi comandi 2D-3D utili per il disegno e la messa in tavola del progetto; in alternativa, scegliendo versione plugin, è necessario che sul proprio pc sia già installato AutoCAD Full 2022 o 2023.

Il lavoro nell’ambiente CAD più diffuso ed apprezzato acquisisce più valore in release 2023: basterà disegnare polilinee o creare contorni con gli appositi comandi AutoCAD e procedere all’estrusione dell’area chiusa.

In questo modo, i volumi creati, partendo dal riferimento esterno che identifica l’area, costituiranno immediatamente il contesto del calcolo automatico degli ombreggiamenti.

NUOVE BARRE COMANDI LATERALI

Fulcro della progettazione integrata, Le barre poste lateralmente all’ambiente grafico di lavoro sono interamente aggiornate con linguaggi tecnologicamente d’avanguardia. 

Staccabili e posizionabili a discrezione dell’utente, sono denominate BARRA DI NAVIGAZIONE e MC4BROWSER.

La prima rappresenta l’area in cui gestire la visualizzazione del modello (come accendere/spegnere i vari layers), per ogni tipologia di progetto creato: Edificio, Impianti idronici, Canali aria e la nuova sezione Ostacoli utile al calcolo automatico degli ombreggiamenti.

La seconda consente di definire le unità di misura del progetto corrente, scegliendo tra il Sistema Internazionale ed il sistema anglosassone Inch-Pound o creando il proprio sistema di unità di misura tramite archivio omonimo.

Il prezioso Wizard step by step contiene la sequenza delle operazioni da compiere per l’input del fabbricato ed i calcoli termo-energetici. In release 2023 si aggiorna anche per dimensionamenti idronici, radianti o di reti a canali d’aria: l’attivazione dei comandi avviene in modo successivo, guidando il professionista e segnalando eventuali anomalie tramite specifici Warnings.

MC4BROWSER consente inoltre la Selezione Rapida di specificità del modello nonché la gestione delle proprietà degli oggetti utilizzati in progetto dalla scheda Dati Estesi.

NUOVO ARCHIVIO MATERIALI

La nuova form, al pari di tutti gli altri archivi del programma, contiene nella parte superiore le tre pagine di archivio

  • Progetto, quella preposta alla creazione, modifica ed eliminazione dei materiali (e relative categorie) utilizzati nel progetto corrente
  • Utente, la sezione di archiviazione personale dei materiali, trasferibili in tutti i progetti e versioni successive di Mc4Suite
  • Mc4Suite, l’archivio integrato all’interno del software

Quest’ultimo è aggiornato includendo tutti i materiali previsti dalle norme: UNI 10351 pros A1, B1, 2; UNI 10456; UNI TR 11552; UNI 10355; UNI 6946 tab. 8.

Ogni materiale elaborato potrà essere definito in tutte le sue peculiarità, sia da un punto di vista termico (Spessore, Lambda, Conduttanza, ecc.) che acustico (Modulo di Young, Rapporto di Poisson, ecc.) così che il modello possa essere prontamente valutato anche per le verifiche dei requisiti acustici passivi.

NUOVO ARCHIVIO
STRUTTURE

La nuova maschera, decisamente più intuitiva, consente di definire la stratigrafia delle strutture opache e trasparenti del progetto, sfruttando le tre schede come anticipato al paragrafo precedente.

Tramite tecnica Drag&Drop del materiale dall’area dell’archivio materiali a quella della stratigrafia, la form esegue immediatamente il calcolo della trasmittanza confrontandolo con il valore limite previsto da norma, verifica la presenza di condensa secondo UNI EN 13788 (metodo di Glaser) e lo sfasamento dell’onda termica secondo UNI EN ISO 13786.

In particolare, Mc4Suite 2023 consente di gestire gli archivi con il nuovo tag per Categoria di appartenenza e, in fase di progettazione dell’isolamento (selezionando un materiale isolante nella scheda Composizione), abilita il tasto Calcola spessore: una funzione automatica che consente di aumentare lo spessore del materiale prescelto sino a conseguire un valore di U < U limite e, se selezionato, un valore di trasmittanza termica periodica inferiore al corrispondente limite normativo.

Restano invariati i campi dedicati al calcolo di Legge 10 Tipo di verifica (Umedia)Tipo di verifica (H’T), che consentono di specificare se la struttura in oggetto dev’essere considerata o meno secondo i criteri stabiliti dalla FAQ 3.16 della terza serie del MISE.

NUOVO ARCHIVIO FINESTRE E NUOVO ARCHIVIO PORTE

Anche l’archivio serramenti di progetto è stato completamente riscritto, eliminando la definizione di aggetti nella scheda relativa le caratteristiche Solari (visto il nuovo calcolo automatico degli ombreggiamenti) ed implementando appositi Wizard per la definizione dei parametri da norma.

Inoltre, con Mc4Suite 2023, ad ogni serramento incluso nel progetto possono associarsi tre ponti termici specifici:

  • Architrave/Cassonetto
  • Spalletta, valido per entrambe le lunghezze verticali dell’infisso
  • Davanzale

In questo modo, qualora il progettista ne abbia valutato calcolo FEM tramite THERMal Bridge, il calcolo energetico risulterà più dettagliato.

NUOVO ARCHIVIO CALDAIE

Anche l’archivio dei generatori – caldaie è stato revisionato, mantenendo la classica suddivisione in Progetto, Utente ed Mc4Suite. 

Il progettista può importare blocchi dwg forniti dai produttori e compilare le specifiche del generatore scegliendo calcolo analitico del rendimento di generazione secondo 

  • metodo B1 (appendice B.2 UNI/TS 11300:2-2019)
  • metodo B2 (appendice B.3 UNI TS 11300:2-2019)

NUOVA MASCHERA PER LA DEFINIZIONE DEI PIANI DEL FABBRICATO

La maschera dell’Elenco Piani consente la gestione dei livelli dell’edificio e regola l’input degli ambienti e di tutti gli impianti in essi disegnati e calcolati.

Completamente riscritta in nuove e più funzionali form di inserimento dati, consente di definire per ogni piano quale struttura già definita in Archivio Progetto corrisponde al soffitto e quale al pavimento, che tipo di esposizioni prevedono le due strutture, qual è l’altezza netta nonché se si tratti o meno di piano sottotetto.

Grazie all’apposito comando Duplica, la form consente di copiare un piano tipo tante volte quante si desidera, scegliendo appositamente quali elementi copiare del piano di riferimento (muri, finestre, porte, ponti termici, ambienti, ecc.): in questo modo il progettista riduce drasticamente la fase di modellazione.

NUOVA MASCHERA UNITÀ IMMOBILIARI CON ARCHIVIO MODELLI PER ZONE IMPIANTISTICHE

In Mc4Suite 2023 è stata introdotta una diversa modalità di gestione della zona impiantistica, con definizione di un modello (o template) da associare all’elemento zona vero e proprio.

Le zone inserite in dipendenza di una unità immobiliare assumono pertanto la funzione di semplice componente, modificabile solo per Descrizione e Tipo di bonus.

La restante caratterizzazione della zona è ora intermediata dall’associazione del relativo modello che ne definisce il contenuto in termini di proprietà e parametri di calcolo.

Ogni modello viene definito nel nuovo archivio modelli di zona, che rappresenta il database di tutti i template creati dall’utente.

Uno stesso modello può essere associato ad una molteplicità di zone: la modifica di un qualsiasi parametro del modello sarà applicata contestualmente a tutte le zone cui esso risulta associato.

ambienti con tratteggio e colorazione per zone impiantistiche

Con Mc4Suite 2023 si evolve la definizione degli ambienti e dei locali presenti nel progetto, grazie ad un apposito tratteggio colorato.

Il comando e la chiara visualizzazione si configurano come ulteriore strumento di controllo dell’input grafico: se una determinata porzione di input non viene intercettata, il suo perimetro risulta interrotto.

Non solo, il colore utilizzato automaticamente dal software è dato caratteristico della zona: a colpo d’occhio, è possibile comprendere quali ambienti risultano assegnati ad una medesima zona impiantistica.

Nuova maschera con visualizzatore 3d
per gli ombreggiamenti

La nuova maschera riporta in tabella il fattore di riduzione dell’ombreggiamento per singola frontiera per tutti i mesi, con il relativo angolo di incidenza, come previsto dalla norma UNI TS 11300-1:2014.

Una sezione 3D riporta i risultati direttamente sul modello di calcolo.

Il progettista visualizza il modello con la tipica colorazione in scala di grigio e può attivare le direttrici di:

  • aggetti verticali, ad esempio porzioni e volumetrie del medesimo edificio, come nel caso di cavedi o corti interne
  • aggetti orizzontali, come balconi o falde sporgenti
  • ostacoli esterni, nel caso di edifici o alberi prospicienti

Tali ostruzioni, sono riferite ad ogni singolo elemento costitutivo del modello 3D del fabbricato: strutture, finestre, sottofinestra, cassonetti, ecc.

visualizzazione 3d con gradiente termico

La nuova maschera consente di attivare una vista per frontiere, con animazione nei vari mesi dell’anno.

Se il fattore di riduzione dell’ombreggiamento calcolato è prossimo al valore 1, la colorazione adottata per la frontiera vira dal giallo all’arancio, sino al rosso.

Se il fattore di riduzione dell’ombreggiamento calcolato è invece prossimo allo 0, la colorazione è più fredda, passando dal verde al ciano sino al blu intenso.

Per il progettista è subito evidente quali frontiere e, di conseguenza, quali ambienti interni subiranno maggiormente l’influenza di aggetti dell’edificio stesso e/o ostacoli esterni.

cam 2022: PRESTAZIONE ENERGETICA E BENESSERE TERMICo

Mc4Suite 2023 integra il D.M. 23/06/2022 sui Criteri Ambientali Minimi obbligatori per gli appalti pubblici, garantendo le verifiche del precedente D.M. 11/10/2017 nel caso di titoli edilizi antecedenti al 04/12/2022.

Oltre agli edifici di nuova costruzione, le novità riguardano anche gli edifici oggetto di ristrutturazioni importanti di I livello, di cui è richiesta la verifica come edifici ad energia quasi zero (nZEB).

In termini di prestazione energetica, il software verifica le condizioni di comfort termico negli ambienti interni con riferimento al periodo estivo.

La verifica può essere eseguita scegliendo una delle opzioni previste dal Decreto:

  • massa superficiale delle strutture verticali opache;
  • trasmittanza termica periodica delle strutture verticali, orizzontali, inclinate opache;
  • confronto temperatura operante estiva con la temperatura esterna media mobile giornaliera.

La temperatura operante estiva (θo,t) è ricavata dal calcolo secondo Metodo Dinamico Orario (UNI EN ISO 52016-1).

Non solo, selezionato l’ambiente oggetto di analisi, il software valuta il benessere termico e di qualità dell’aria interna verificando il conseguimento di condizioni conformi almeno alla classe B secondo la norma UNI EN ISO 7730 in termini di PMV (Voto Medio Previsto) e di PPD (Percentuale Prevista di Insoddisfatti).

verifiche nuovi cam secondo dm 23/06/2022

Mc4Suite 2023 verifica i seguenti criteri:

  • 3.7 Approvvigionamento energetico – Fonti rinnovabili (ex 2.3.3)
  • 4.2 Prestazione energetica (ex 2.3.2)
  • 4.3 Impianti di illuminazione per interni
  • 4.5 Aerazione, ventilazione e qualità dell’aria (ex 2.3.5.2)
  • 4.6 Benessere termico (ex 2.3.5.7)
  • 4.7 Illuminazione naturale (ex 2.3.5.1)
  • 4.8 Dispositivi di ombreggiamento (ex 2.3.5.3)
  • 4.9 Tenuta all’aria
  • 4.11 Prestazioni e comfort acustici in abbinamento al modulo software NoiseCad (ex 2.3.5.6)
  • 4.14 Disassemblaggio e fine vita (ex 2.4.1.1 e 2.4.1.2)

La maschera e la rispettiva stampa sono quindi riorganizzate, riepilogando i principali Criteri per l’affidamento del servizio di progettazione di interventi edilizi

NUOVA MASCHERA DI CALCOLO DEI CARICHI TERMICI ESTIVI ASHRAE TFM

Con riferimento al modello 3D del fabbricato, il software esegue il calcolo dei carichi termici di punta per il raffrescamento utilizzando il metodo delle funzioni di trasferimento TFM illustrato in ASHRAE Handbook 1985-2005 e, in regime dinamico, calcola ora per ora:

  • il trasferimento del calore attraverso l’involucro
  • i carichi frigoriferi (cooling loads)
  • il flusso di calore, variabile nel tempo, che un impianto di climatizzazione estrae dall’ambiente per mantenere la temperatura costante (heat extraction rate)

NUOVA MASCHERA TRATTAMENTO ARIA

La nuova maschera introdotta con Mc4Suite 2023 armonizza le funzionalità di calcolo dell’eventuale trattamento dell’aria presente nel progetto, con la possibilità di inserire diverse unità di trattamento aria (per singolo progetto, una per ogni zona) e consente di calcolare diversi impiantiAria primaria, Tutta aria con miscela (da 0 a 100%), Post riscaldamento a livello ambiente.

Terminato il calcolo, la stampa prevede:

  • la potenza massima di punta del singolo ambiente (dimensionamento del fan-coil o della bocca d’aria),
  • la potenza massima contemporanea per zona ed edificio (dimensionamento del chiller),
  • il dimensionamento dell’unità di trattamento aria,
  • la potenza delle batterie (fredda, pre e post riscaldamento),
  • l’umidificatore adiabatico,
  • la portata d’aria dei ventilatori.